Crea sito

Tre poesie di Fabrizio Bregoli

HEISENBERG


L’imbroglio è sempre la luce, quel suo
scalfire i corpi, sbozzarli dal nero
ordinarne regole, spazi.
Travolgerli nel loro buio esatto
con la sua lama buona,
obbligare i volti a intridersi.
Illuderli che siano conoscibili
a misura di un noi inesplorato,
fingere emendabile la frattura
l’indeterminazione sanata.

(Da “Notizie da Patmos” – La Vita Felice, 2019)

ISTRUZIONI ALCHEMICHE PER IL COMPOSTAGGIO


Raccogliere e impilare sfalci d’erba,
gusci di noci, fondi di caffè
filtri del tè, ossa, altre immondizie buone.
Rivoltare due o tre volte l’anno, piano
per riattivare il ciclo del silenzio.
Di quando in quando innaffiare, aggiungere
qualche altra scoria, emersa da uno specchio
dimenticato. Pressare a dovere
come a reprimere un singhiozzo buio,
un ricordo di frodo.
Poi maturare a fondo, concedere
varco al tempo, alla sua lama gentile.
Talvolta – dopo un terremoto d’anni –
vi affiora una poesia.

(Da “Notizie da Patmos” – La Vita Felice, 2019)

SEMPRE E SOLO UN’IPOTESI


Sempre e solo un’ipotesi, un respingere
laterale, come fosse un intruso
a porgere la mano, osare spazio.
Esige questo, uno scendere a patti,
la sua sintassi opaca, risoluta.
Basta poco, quella macchia sghemba
che s’arremba alla pelle, come un fiordo
buio appeso alle labbra. O un affiorare
lento, come da una matrice antica,
di un conto che non torna,
un ammutinamento delle cellule.
Perché in sostanza siamo quest’estrudersi
del corpo, ambire a senso, direzione
a una misura che si compie.
Ardire un passo in più, un verso oltre.

(Da “Notizie da Patmos” – La Vita Felice, 2019)

Fabrizio Bregoli, nato nel bresciano, risiede da vent’anni in Brianza. Laureato con lode in
Ingegneria Elettronica, lavora nel settore delle telecomunicazioni.
Ha pubblicato “Cronache Provvisorie” (VJ Edizioni, 2015), “Il senso della neve” (puntoacapo,
2016), “Zero al quoto” (puntoacapo, 2018), “Notizie da Patmos” (La Vita Felice, 2019).
Sue opere sono incluse in “Lezioni di Poesia” (Arcipelago, 2015) di Tomaso Kemeny e in “iPoet
Lunario in Versi 2018” (Lietocolle, 2018), sulle riviste “Il Segnale”, “Alla Bottega”, “Le voci
della Luna”, “Il Foglio Clandestino”, in numerose altre antologie, sui più noti blog di poesia.
Ha inoltre realizzato per i tipi di Pulcinoelefante il libriccino d’arte “Grandi poeti” (2012) e per le
edizioni Fiori di Torchio la plaquette “Onora il padre” (Serégn de la memoria, 2019).
Ha conseguito numerosi riconoscimenti per la poesia inedita, fra i quali i Premi San Domenichino,
Daniela Cairoli, Giovanni Descalzo, Il Giardino di Babuk, il Premio “Dante d’Oro” dell’Università
Bocconi di Milano, il Premio Città di Acqui Terme e più volte è stato segnalato e finalista ai premi
Guido Gozzano e Lorenzo Montano.
Per la poesia edita gli sono stati assegnati, fra gli altri, i Premi Guido Gozzano, Città di Umbertide,
Rodolfo Valentino e il Premio Letterario Internazionale Indipendente.
Collabora come recensore con il sito letterario “LaRecherche.it“, con la pagina Facebook “Poeti
Oggi” e fa parte della redazione del blog letterario “Laboratori Poesia” per cui cura la rubrica
“Poesia a confronto”.
Il sito dedicato alla sua poesia è: https://fabriziobregoli.com