Crea sito

Tre poesie di Alessandro Monticelli

All’alba d’inverno
la terra si spezza passo dopo passo.
I primi fiocchi di neve si consumano a terra
Sopra un istante più chiaro.
Profumo di movimenti posseduti ma non restati.
Chiusi in un soffuso solfeggio silenzioso.
Io con il viso esposto al nord che bruma
Tu nel sud dei tuoi sogni di troppa luce.

*

Abiuro sentimenti
Relegandoli in un luogo
Minimo e precario.

Stremato dalla menzogna
Mi tormenta la luce
Nel cavo delle mie mani
Che non so nascondere.

Amare che seduzione!

*

Ieri indossavo la tua pelle
Osservavo le vene come radici
Arrampicarsi sulle braccia.
Oggi,che disincanto,
i nostri piedi e i capelli
e le gambe e i sessi non si amano più.
Oggi, ci ricordano le battute dalla nicchia del suggeritore
E gli applausi sono pioggia acida su pezzetti di carne in scatola.

Alessandro Monticelli (1972) nato a Sulmona (AQ) ha pubblicato le raccolte poetiche: “Medicine Scadute” – Mauro Baroni Editore (Viareggio) – 2004, “Made in Italy” – Edizioni Progetto Cultura (Roma) – 2004, “Favole da un Manicomio” – Il Foglio Editore (Piombino) – 2006 2° edizione 2007, “Concerto di un re minore”e-book – La scuola di Pitagora editrice 2011, “La pelle fragile”e-book -Fontana editore 2014, ” Radici in aria”- Lupi editore 2015.
Suoi testi sono pubblicati su diverse antologie e riviste letterarie nazionali e internazionali ecc. ha partecipato a numerosi reading e festival di poesia.
Dal 1999 inizia la sua attività artistica, esponendo nel duo Monticelli&Pagone in Italia e all’estero in gallerie e musei.